Chi Siamo

L’Associazione Bersagli Difficili nasce con lo scopo ambizioso di formare GUERRIERI MODERNI.  Si tratta di qualcosa che va ben oltre l’imparare a combattere ed è l’obiettivo dell’Arte Marziale nella sua forma più autentica a tal punto che richiede una piccola precisazione.

GUERRIERI Di solito si è portati a vedere il guerriero come una persona violenta e aggressiva ma in realtà la figura del guerriero è ben altro. Da sempre celebrato in molte culture, il guerriero è colui che incarna la giustizia, lo spirito di sacrificio e la forza per difendere i più deboli. E’ l’eroe che rigetta l’odio e il pregiudizio ed ha la forza per creare il suo destino. Il guerriero è una figura archetipica che accomuna praticamente tutti gli autori e rappresenta colui che mette tutte le sue energie nel conoscere i propri limiti e che combatte senza sosta contro le proprie debolezze e paure; colui che si prende la responsabilità delle proprie azioni e non incolpa gli altri o il fato per i propri insuccessi; colui che si dedica alla ricerca costante del suo vero Sé e rifiuta i copioni che la società gli impone.

Il buon guerriero non è aggressivo, un buon combattente non si lascia prendere dall’ira. Chi sa vincere non ha bisogno di dar battaglia, chi sa guidare gli esseri umani si mette al loro servizio

Lao Tse

MODERNI Randomizzare le possibili variabili causali estrene e manipolare la variabile indipendente per produrre un effetto sulla variabile dipendente. Potrebbe sembrare una speculazione filosofica ma in realtà è il fondamento del metodo scientifico. Si tratta di un principio che ci sta molto a cuore perchè da sempre cerchiamo di spiegare quanto insegniamo alla luce di una rigorosa sperimentazione scientifica. Da noi sentirai parlare di forze e vettori, fuclri e leve più che di calci e pugni. Il nostro scopo è mostrare i concetti e dimostrarli ineluttabilmente fornendo una serie di modelli per poi invitare l’allievo ad ispirarsi ad essi per generare il proprio stile di combattimento utilizzando la creatività innata in ogni essere umano. Poi si testa tutto con scenari molto complessi e realistici per distinguere nettamente ciò che funziona alla prova pratica da ciò che fallisce.

Parlare oscuramente lo sa fare ognuno, ma chiaramente pochissimi

Galileo Galilei